giovedì 12 ottobre 2017

NOI

Credo che la felicita abbia il profumo di te, di noi, di te che sorridi, di noi che ridiamo, di te che mi guardi con i tuoi occhioni, di noi che ci guardiamo e ci capiamo, di te che sei dolce, di noi che ci abbracciamo stretti e non ci lasciamo, credo che la felicità abbia il profumo di me e te insieme, di noi che oramai ci apparteniamo.

mercoledì 11 ottobre 2017

IL TUO DOLCE SGUARDO

Il mio tempo scorre ricercando negli altri il tuo dolce sguardo, il tuo sorriso sincero e il tuo abbraccio forte. Vorrei sapere dove sei, con chi sei, cosa stai facendo ma poi penso che non servirebbe a niente, che mi farei solo male. Non posso e non voglio cancellare questo sentimento, che nonostante tutto mi fa sentire ancora viva. La mia vita ricomincia da te, angelo mio. Sono sicura che un giorno tornerai da me con la consapevolezza che il nostro sentimento era ed è qualcosa di veramente unico e prezioso! Io saprò attendere!

lunedì 9 ottobre 2017

NUVOLE

Nuvole, nuvole nella mia mente, nuvole nei miei pensieri e tuoni sordi che orecchio umano non sente e lampi di ricordi che illuminano il mio oggi ed il mio ieri. Alzo gli occhi coperti da umido velo e mi accorgo che ciò che piange non è il cielo. In attesa del sereno trovo riparo in un angolo di cuore quell'angolo dove non piove mai dove il sole splende a tutte le ore, e dove, non importa in quale tempo, in quale vita, spero un giorno tu mi raggiungerai.

venerdì 22 settembre 2017

PER TE

Per te continuo a soffrire.
Per te che questi miei occhi  non vedono  più.
Per te che non sento più il suono della tua dolcissima voce. 
Ricordo il giorno del nostro primo incontro, come tutto mi sembrava bello.
Insieme  anche i dispiaceri andavano via, sentivo una felicità mai provata  prima.
Lungo il percorso della strada sentivo nell’aria il profumo dei fiori trasportato dall’alito di vento.
L’allegria della gente con le loro risate, creavano vita al paese.
Per te, solo per te vedevo tutto sotto un’altra ottica.
Il tuo sorriso mi riempiva il cuore di emozioni e dolci ricordi, eri tutto per me.
Un giorno senza un perché all’improvviso sei cambiato bruscamente, forse nel tuo cuore non c’era più un angolino per me, o forse è stata causa di una forza maggiore.
Divenni triste, molto malinconica e arrivata la sera nemmeno lo splendore delle stelle riuscivano  a fermare le mie lacrime.
Scendevano sul mio viso sino a bagnarmi le labbra e farmi assaporare il gusto salato.
 
Giovanna Concordia
 

lunedì 18 settembre 2017

SPERANZE SENZA VOCE

Ti Amo. 
Lo urlo nel silenzio delle mie notti, nelle profondità del cuore. 
Ti Amo. 
Lo gridano i miei occhi quando il sole bacia il tuo viso, quando io, vorrei farmi suo raggio. 
Ti amo, in ogni giorno che vive la mia anima codarda, a cui mancano le parole per sussurrartelo. 
E qui, resto ferma, amandoti, nella speranza che un abbraccio passi questo amore da un cuore all'altro.

mercoledì 13 settembre 2017

SERENITA’

Ti cerco, ti cerco e non so dove sei.
Ti cerco nei luoghi più impensati e nascosti.
Ti cerco nei mari profondi e lontani, dove le onde si infrangono contro le rocce massicce, corrodendole e creando una schiuma bianca che dà l’idea della purezza.
Ti cerco
Ti cerco nei campi dove i fiori pieni di colori e bagnati di rugiada sembrano che stiano piangendo, ma nonostante ciò non smettono mai di rallegrarci con i loro meravigliosi e splenditi colori colmi di profumi.
Arrivata la sera, cerco di trovarti nel grande firmamento, dove le stelle con il loro bagliore illuminano il percorso del mio cammino.
Ti cerco
Continuo a cercarti e non mi rendo conto di quanto mi sei vicina, dopo tanto vagare riesco a vederti nell’innocenza degli occhi di un bambino.
Ti noto nelle rughe profonde del viso di un anziano, che piangendo e pieno di emozioni cerca di raccontare la storia di ogni sua ruga.
Ti trovo nelle persone sofferenti che nonostante tutto riescono a trasmettere gioia a chi non ne possiede.
Ecco dove eri tanta cercata serenità.

Giovanna Concordia

lunedì 11 settembre 2017

TRAMONTO

Oh tramonto, se tu potessi osservare questi occhi incantati ora che ti stanno ammirando, se tu potessi scrutarne il sublime candore, se tu potessi ascoltare il sussurro delle palpebre, solo allora potresti dire di conoscere l’unica cosa più grande di te. e ti assicuro che anche tu, nel pieno del tuo canto d’onnipotenza nel delirio delle tue mille sfumature rimarresti abbagliato, dal luccichio di queste due piccole stelle.